Statuto

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE  “L’ALTRA ITALIA”


Art.1 Costituzione
È costituita l’Associazione con finalità culturali di promozione del territorio denominata “L’ALTRA ITALIA”, in forma di Associazione non riconosciuta con durata illimitata nel tempo e senza scopo di lucro, regolata a norma del Titolo II Cap. III, art. 36 e segg. del codice civile, nonché del presente Statuto e dagli eventuali regolamenti che, approvati secondo le norme statutarie, si rendessero necessari per meglio regolamentare specifici rapporti associativi o attività.

Art. 2 Sede
L’Associazione ha sede legale nel comune di Fiorenzuola d’Arda provincia di Piacenza, via Risorgimento n. 13. Il Consiglio Direttivo, con propria delibera, può trasferire la sede legale in qualsiasi altro Comune. Il trasferimento della sede associativa, nell’ambito dello stesso Comune, non comporta modifica statutaria.

Art. 3 Oggetto e scopo
L’Associazione “L’ALTRA ITALIA” si propone di diffondere e promuovere la cultura italiana attraverso la diversità e la peculiarità delle sue regioni negli aspetti storici, artistici, paesaggistici e naturalistici, con uno sguardo specifico ai luoghi meno conosciuti e ai centri minori.

Persegue le seguenti finalità:
• la promozione e la divulgazione della cultura e delle tradizioni delle varie province e regioni italiane, in particolare del territorio piacentino e delle province confinanti come Parma, Pavia, Alessandria e Massa-Carrara legate storicamente e geo-morfologicamente;
• la conoscenza, la protezione, la salvaguardia della natura, dell’ambiente, degli habitat e delle specie animali e vegetali;
• la conoscenza, la tutela, la valorizzazione del patrimonio culturale, storico e artistico;
• la promozione e la diffusione di forme di turismo responsabile e compatibile con i principi dello sviluppo sostenibile, dei diritti delle popolazioni, delle comunità locali e della protezione dell’ambiente;

L’associazione per il raggiungimento degli scopi istituzionali potrà creare, organizzare, realizzare e promuovere iniziative, convegni, eventi, attività, progetti e programmi a carattere turistico, storico, culturale, naturalistico e ambientale, per esempio:
• attuare programmi di promozione del territorio di riferimento per la conoscenza e la tutela del patrimonio storico-artistico, culturale e naturalistico;
• creare ed organizzare visite, percorsi ed escursioni di carattere storico, artistico, naturalistico ed enogastronomico;
• diffondere attraverso conferenze, eventi, quali mostre, convegni, documentari, ecc. i temi derivanti dagli scopi istituzionali;
• svolgere attività di consulenza e collaborazione con enti pubblici e privati, associazioni italiane ed estere e altri soggetti che intendono sviluppare iniziative a sostegno dell’attività istituzionale;
• proporsi come specifico punto di riferimento e/o come struttura di servizio per altri soggetti giuridici, pubblici o privati, operanti nel medesimo settore;
• organizzare corsi e attività formative;
• pubblicare e divulgare studi, ricerche, materiale bibliografico, fotografico e materiale informativo in genere, anche attraverso le nuove tecnologie e i mezzi di comunicazione offerti dalla rete internet, aventi ad oggetto la missione istituzionale;
• organizzare scambi, attività ed iniziative culturali con enti e associazioni estere.

L’Associazione può operare in Italia ed all’estero, nei modi e con gli strumenti ritenuti di volta in volta idonei per il conseguimento delle finalità statutarie. Si avvale, in particolare, di potere partecipare ad altre associazioni, società o Enti aventi scopi analoghi o connessi ai propri e di poter stipulare apposite convenzioni, per la gestione di corsi, seminari e/o per la fornitura di servizi.

L’associazione potrà, esclusivamente per scopo di autofinanziamento e senza fine di lucro, in via meramente marginale, esercitare attività commerciali nel rispetto della normativa amministrativa e fiscale vigente. I proventi delle attività dell’Associazione non possono, in nessun caso, essere divisi fra gli associati, anche in forme indirette.

L’associazione è aperta a chiunque condivida principi di solidarietà. L’Associazione si conforma per il suo funzionamento ai principi di trasparenza e democraticità; mantiene la piena indipendenza e autonomia rispetto ad ogni altra organizzazione.

Art. 4 Soci
All’associazione possono aderire, persone fisiche di qualsiasi nazionalità, le associazioni, gli Enti pubblici e privati (anche esteri), le imprese che condividono le stesse finalità e che si impegnano per realizzarle, e aventi attività non in contrasto con quelle dell’Associazione “L’ALTRA ITALIA”.

Per essere ammessi a socio è necessario presentare domanda di ammissione all’associazione con le seguenti indicazioni:
• nome e cognome, luogo e data di nascita, residenza e codice fiscale;
• dichiarare di impegnarsi a rispettare il presente statuto, i regolamenti e le deliberazioni degli organi sociali;
• consentire il trattamento dei dati personali per fini istituzionali come previsto dal D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 – Codice in materia di protezione dei dati personali – e successive modificazioni ed integrazioni;

L’ammissione a socio è a tempo indeterminato, fermo restando il diritto di recesso. E’ compito del legale rappresentante dell’associazione o da altra persona da lui delegata anche verbalmente, valutare in merito all’accettazione o meno di tale domanda. L’accettazione, comunicata all’interessato e seguita dall’iscrizione a libro soci, dà diritto immediato a ricevere la tessera sociale. Nel caso in cui la domanda venga respinta, l’interessato può presentare ricorso, sul quale si pronuncia in via definitiva il Consiglio Direttivo, alla prima convocazione. I soci all’atto dell’ammissione sono tenuti a versare la quota di associazione che verrà prestabilita ogni anno dal Consiglio Direttivo. Le somme versate per le quote associative non sono rimborsabili, rivalutabili, né trasmissibili.

Fino al compimento del 14° anno di età, il minore è rappresentato nei rapporti sociali dai genitori. Il diritto di voto spetta a tutti i soci maggiorenni. I Soci hanno in qualsiasi momento della vita associativa l’obbligo di attenersi allo Statuto e al rispetto delle finalità dell’Associazione attraverso un comportamento conforme agli indirizzi sociali, all’eventuale regolamento, alle deliberazioni degli organi dell’Associazione e all’utilizzo corretto delle attrezzature e luoghi messi a disposizione dell’Associazione. Tutti i soci hanno eguali diritti.

La qualità di socio comporta la possibilità di partecipare a tutte le attività organizzate dall’associazione.

La qualifica di socio si perde per:
• ancato pagamento delle quote sociali nei termini stabiliti dal Consiglio Direttivo;
• recesso;
• per gravi inadempienze: quando, in qualunque modo, un socio arrechi danni morali o materiali all’associazione o dimostri di non condividere più le finalità dell’associazione; per inosservanza del presente Statuto, ai regolamenti interni o alle deliberazioni prese dagli organi sociali;
• decesso;

La domanda di recesso va inviata al Consiglio Direttivo il quale delibera in merito e ha effetto dalla fine dell’esercizio in corso alla data di presentazione della domanda. L’esclusione del socio per gravi inadempienze avviene con delibera del Consiglio Direttivo. Il socio escluso può ricorrere contro il provvedimento di esclusione all’Assemblea entro la prima convocazione utile, successiva alla delibera adottata dal Consiglio Direttivo. L’esclusione del socio, qualora deliberata dall’Assemblea, ha effetto dalla data della delibera e il socio escluso, da tale data, non potrà più godere dei relativi diritti.

Gli associati che abbiano, per qualsiasi causa, cessato di appartenere all’associazione non possono richiedere i contributi versati e non hanno alcun diritto sul patrimonio dell’associazione stessa.

Art. 5 Organi dell’associazione
Sono organi dell’Associazione:
1. l’Assemblea dei soci;
2. il Consiglio Direttivo;
3. il Presidente;

Tutti i suddetti organi devono essere composti da Soci regolarmente iscritti all’Associazione. Tutte le cariche sociali sono essenzialmente gratuite e rinnovabili alla scadenza.

Art. 6 Assemblea dei Soci
L’Assemblea dei Soci è l’organo sovrano dell’Associazione. Si riunisce in sessione ordinaria con le maggioranze previste dall’Art.21 c.c. per:
1. eleggere i membri del Consiglio Direttivo e determinare eventualmente i compensi;
2. approvare il programma di attività proposto dal Consiglio Direttivo per l‘anno;
3. approvare il bilancio consuntivo e il bilancio preventivo;
4. approvare l’eventuale regolamento interno;
5. ratificare l’entità delle quote sociali annue stabilita dal Consiglio Direttivo;
6. deliberare eventuali contributi straordinari;
7. deliberare in merito al ricorso del socio contro l’esclusione;
8. deliberare su ogni altra questione attribuitale per legge o dal presente statuto o sottoposta al suo esame dal Consiglio Direttivo

L’Assemblea ordinaria deve essere convocata dal Consiglio Direttivo almeno una volta l’anno per approvare il bilancio consuntivo e il bilancio preventivo, il programma delle attività come proposto dal Consiglio Direttivo e per deliberare sugli argomenti di sua competenza sottoposti alla sua attenzione dal Consiglio Direttivo. L’assemblea deve essere inoltre convocata quando se ne ravvisa la necessità o quando ne è fatta richiesta motivata da almeno un decimo degli associati. In questo ultimo caso, se gli amministratori non vi provvedono, la convocazione può essere ordinata dal presidente del tribunale.

L’Assemblea si riunisce in sessione straordinaria per deliberare su tutto ciò che riguarda la vita associativa non di competenza dell’Assemblea ordinaria e in particolare con il potere di:
1. approvare le richieste di modifica dello Statuto;
2. revocare il mandato del Consiglio Direttivo nel suo insieme nel caso di grave inadempienze;
3. deliberare in via definitiva sul ricorso contro l’espulsione di un Socio;
4. sciogliere l’associazione.

Le adunanze dell’Assemblea si terranno di norma presso la sede dell’Associazione, ma potranno altresì svolgersi in qualunque altro luogo sia in Italia sia all’estero. La convocazione, unitamente all’ordine del giorno, va fatta mediante lettera raccomandata o fax o posta elettronica o con ogni altro strumento idoneo a consentire la prova della ricezione almeno 15 giorni prima della data dell’Assemblea. La convocazione deve indicare, oltre all’ordine del giorno, il luogo, la data e l’orario della prima e seconda convocazione.

L’assemblea ordinaria è regolarmente costituita quando sono presenti almeno la metà degli associati e delibera con la maggioranza dei Soci presenti. In seconda convocazione la deliberazione è valida qualunque sia il numero degli intervenuti. Per le delibere prese in sessione straordinaria di cui ai presenti punti a) b) c) occorre la presenza di almeno 2/3 degli associati e il voto favorevole della maggioranza dei presenti. Per deliberare lo scioglimento dell’associazione e la devoluzione del patrimonio occorre il voto favorevole di almeno tre quarti degli associati.

Hanno diritto di intervenire all’assemblea i soci in regola con il versamento della quota sociale. Ogni socio ha diritto ad un voto in Assemblea.  Essi possono farsi rappresentare da altri soci anche se membri del Consiglio, mediante delega scritta, salvo che per l’approvazione del bilancio e le delibere riguardanti la responsabilità dei membri del Consiglio Direttivo. Nelle deliberazioni di approvazione del bilancio e in quelle che riguardano la loro responsabilità, i membri del Consiglio Direttivo non hanno diritto di voto.

L’assemblea è presieduta dal Presidente del Consiglio o, in caso di sua assenza, dal Vice Presidente. I verbali delle riunioni dell’Assemblea sono redatti dal Segretario in carica o, in sua assenza, e per quella sola Assemblea, da persona scelta dal Presidente dell’Assemblea fra i presenti e iscritti sul registro dei verbali delle Assemblee. Ogni socio ha diritto di consultare il verbale delle Assemblee.

Le decisioni prese dall’assemblea, sia ordinaria che straordinaria, impegnano tutti i soci sia dissenzienti che assenti.

Le votazioni possono avvenire per alzata di mano, per acclamazione o a scrutinio segreto. Alla votazione partecipano tutti i soci. Le votazioni per le elezioni alle cariche sociali devono avvenire con votazione a scrutinio segreto.

Art. 7 Consiglio Direttivo

Il Consiglio direttivo è l’organo esecutivo dell’associazione, decide e pianifica l’attività dell’Associazione. E’ nominato dall’Assemblea ordinaria alla quale risponde direttamente. Può essere revocato dall’Assemblea. Il Consiglio Direttivo è composto da almeno 3 membri che durano in carica per tre anni e sono rieleggibili. Il Consiglio Direttivo nomina tra i suoi membri il Presidente, il Vice Presidente e il Segretario.

Il Consiglio direttivo:
• definisce il programma delle attività dell’Associazione;
• adotta provvedimenti disciplinari;
• assume personale dipendente, stipula contratti di lavoro, conferisce contratti di consulenza e di collaborazione e decide di attribuire emolumenti a persone – anche membri del Consiglio Direttivo stessi – per l’espletamento di particolari incarichi;
• predispone il regolamento per il funzionamento e l’organizzazione interna dell’associazione;
• predispone i bilanci preventivo e consuntivo dell’associazione;
• stabilisce gli importi delle quote annuali dei soci;
• delibera circa l’ammissione o l’esclusione dei soci;
• verifica la corretta tenuta dei libri sociali;
• assicura il rispetto della normativa vigente in materia di privacy;
• delibera su ogni altro oggetto sottoposto al suo esame dal Presidente;
• delibera sull’adesione e partecipazione dell’Associazione ad enti ed istituzioni; pubbliche e private, designando i rappresentati da scegliere tra i soci.

Il Consiglio è presieduto dal Presidente, in caso di sua assenza dal Vice-Presidente.

Se viene a mancare uno o più membri, il Consiglio Direttivo provvede a sostituirli nominando al loro posto il socio o i soci che nell’ultima elezione assembleare seguono nella graduatoria della votazione. In ogni caso i nuovi membri scadono insieme a quelli che sono in carica all’atto della loro nomina.

Se vengono a mancare i membri del Consiglio in numero superiore alla metà, il Presidente deve convocare l’assemblea per nuove elezioni.

Il Consiglio Direttivo è convocato presso la sede dell’Associazione o anche altrove dal Presidente oppure quanto ne facciano richiesta motivata almeno 2 dei componenti. La convocazione della riunione può essere fatta con qualunque mezzo purché sia possibile fornire la prova della ricezione.

Per la validità della riunione è richiesta la presenza della maggioranza dei membri del Consiglio Direttivo. Il Consiglio Direttivo delibera a maggioranza dei presenti; in caso di parità prevale il voto del Presidente. Ai membri del Consiglio Direttivo spetta il rimborso delle spese sostenute per l’espletamento delle funzioni, regolarmente documentate. L’Assemblea, in via eccezionale e con riferimento agli eventuali ulteriori incarichi attribuiti, può stabilire di attribuire un compenso lordo annuale ai membri del Consiglio Direttivo o anche solo ad alcuni di essi, valido per tutta la durata dell’incarico.

Di ogni riunione deve essere redatto il verbale firmato dal Presidente e dal Segretario da trascrivere sul libro verbali delle adunanze del Consiglio Direttivo.

Art. 8 Il Presidente

Il Presidente rappresenta legalmente l’Associazione nei confronti di terzi e in giudizio ai sensi dell’art. 36, comma 2, c.c. Il presidente è eletto dal Consiglio Direttivo all’interno dello stesso e dura in carica tre anni ed è rieleggibile. Il Presidente ha i poteri della normale gestione ordinaria dell’Associazione e gli potranno essere delegati altresì eventuali poteri che il Consiglio Direttivo ritenga di delegargli, anche di straordinaria amministrazione.

In particolare compete al Presidente:
• dare esecuzione al programma delle attività annuali e a medio termine dell’Associazione;
• presiedere le riunioni del Consiglio Direttivo e dell’Assemblea dei soci;
• convocare il Consiglio Direttivo, eseguire le deliberazioni del Consiglio e dell’Assemblea, firmare, anche a mezzo di componenti del Consiglio Direttivo da lui delegati, gli atti relativi alla gestione;
• gestire i rapporti con gli istituti bancari e/o postali compresa apertura, movimentazione e chiusura dei conti correnti bancari e postali;
• stipulare i contratti e le convenzioni;
• ordinare le spese, nei limiti degli stanziamenti di bilancio e delle deliberazioni degli organi dell’Associazione e disporre per gli incassi firmando i relativi mandati;
• vigilare sulle strutture e sui servizi dell’Associazione;
• sviluppare ogni attività diretta al conseguimento degli scopi istituzionali dell’Ente.

In caso di assenza o impedimento del Presidente le predette funzioni sono assunte dal Vice-presidente. In caso di dimissioni o di impedimento grave, tale giudicato dal Consiglio direttivo, il Consiglio stesso, si dovrà riunire entro trenta giorni e provvedere a eleggere un Presidente sino alla successiva Assemblea ordinaria.

Art. 9 Il Segretario

Il Segretario presenzia alle riunioni dell’Assemblea e del Consiglio direttivo, redige e firma, insieme al Presidente, i relativi verbali. In caso di sua assenza, verrà scelto dal Presidente un segretario tra i soci o membri del Consiglio presenti e solo per quella riunione.

Il Segretario dura in carico tre anni ed è rieleggibile.

I compiti del Segretario sono:
• curare la tenuta dei verbali e dei libri sociali;
• svolgere ogni altro compito a lui demandato dalla Presidenza o dal Consiglio Direttivo dai quali riceve direttive per lo svolgimento dei suoi compiti.

Art. 10 Il Vice-Presidente

Nel caso di mancanza del Presidente, il Vice è chiamato a ricoprire le stesse sue funzioni.
Il Vice-Presidente dura in carica tre anni ed è rieleggibile.

Art. 11 Fondo sociale

Il patrimonio dell’Associazione è costituito da:
• fondi di riserva rappresentati da eccedenze di bilancio, avanzi di gestione e accantonamenti;
• donazioni, lasciti e erogazioni liberali;
• contributi degli associati per partecipare a determinate attività;
• quota associativa annuale;
• contributi di privati, sponsor, di Enti e/o di Istituzioni pubbliche, di organismi ed enti internazionali;
• ricavato dall’organizzazione di eventi;
• entrate derivanti da attività commerciali marginali;
• ogni altra entrata che incrementa l’attività sociale;
• rendite patrimoniali;

È vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge. L’associazione ha l’obbligo di reinvestire gli eventuali utili e avanzi di gestione esclusivamente per lo sviluppo delle attività funzionali al perseguimento dello scopo istituzionale.

Art. 12 Esercizio finanziario
L’esercizio finanziario inizia il 1° gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno.

Art. 12 Scioglimento
Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato dall’Assemblea ai sensi dell’ultimo comma dell’art. 21 c.c.
In caso di scioglimento l’Associazione nomina i liquidatori e devolve il suo patrimonio dedotte le eventuali passività ad altra organizzazione o associazione senza scopo di lucro e con finalità analoghe alle proprie.

Art. 14 Convenzioni
Le convenzioni tra l’associazione ed altri enti e soggetti sono deliberate dal Consiglio Direttivo che ne determina anche le modalità di attuazione, e sono stipulate dal Presidente dell’Associazione, quale suo legale rappresentante. Copia di ogni convenzione è custodita, a cura del Presidente, presso la sede dell’associazione.

Art. 15 Controversie
Le eventuali controversie sociali tra associati, tra associati e l’Associazione o i suoi organi, saranno regolate, in tutti i casi non vietati dalla legge, alla competenza di un Collegio di tre arbitri da nominarsi da parte dell’Assemblea.
Essi giudicheranno ex bono et aequo senza alcuna formalità di procedura.

Art. 16 Rinvio
Per tutto quanto non è previsto dal presente statuto si fa rinvio alle norme di legge e ai principi generali dell’ordinamento giuridico italiano; in mancanza, decide l’Assemblea con le maggioranze previste dal presente statuto.

Fiorenzuola, 20 aprile 2017


CLICCA QUI SE DESIERI ASSOCIARTI

I commenti sono chiusi.